Esistono davvero i superfood?



Oggigiorno "Super" sembra avere una nuova affissione. Le persone amano collegarlo a tutti i tipi di concetti relativi alla salute e alla nutrizione.

Con "Superfood" ci riferiamo a un alimento che è superiore ad altri alimenti tipicamente per il suo contenuto di nutrienti. Ciò potrebbe significare che contengono una varietà di sostanze nutritive, come antiossidanti, grassi sani, fibre e sostanze fitochimiche - sostanze chimiche nelle piante responsabili di colori e odori vividi, che sono stati associati a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari e di altro tipo. Salmone, broccoli e mirtilli sono solo alcuni degli alimenti che hanno ricevuto l'etichetta "superfood". Ma esistono davvero i superfood?


Il termine "superfood" è un termine di marketing piuttosto che basato o riconosciuto dalla scienza. Naturalmente ci sono senza dubbio alcuni alimenti che contengono particolari ingredienti che sono molto benefici per la salute. Ma abbiamo ancora bisogno di mangiare una vasta gamma di cibi per ottenere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno - non è appropriato fare affidamento su un piccolo numero di "supercibi".

Quasi tutti sarebbero d'accordo che mangiare bene non è una questione di aggiungere cibi sani alla propria dieta; piuttosto, si tratta di costruire una base alimentare sana. Tuttavia, quando dai al pubblico qualche suggerimento per una soluzione rapida, come i super alimenti, corri il rischio che le persone pensino di poter bilanciare cibi malsani con tali super alimenti.

Il consiglio nutrizionale comune è quello di "mangiare con i colori dell'arcobaleno", per incoraggiare a mangiare una varietà di cibi, in particolare frutta e verdura. I diversi colori degli alimenti sono generalmente collegati a diversi profili di nutrienti e mangiandoli tutti, si può ottenere la più grande varietà di benefici per la salute.


In conclusione non c'è Dio in nessun cibo... ma invece c'è un piccolo Dio in quasi ogni cibo.


Recent Posts