Il rischio di disidratazione negli sport invernali


Molte persone associano la disidratazione solo all'esercizio in ambienti caldi. Certo questo può essere certamente vero, ma la disidratazione è anche una preoccupazione comune durante l'esercizio al freddo. È infatti necessario mantenere l'idratazione al freddo tanto quanto al caldo, forse anche di più.

Un fattore ovvio che potrebbe promuovere la disidratazione durante l'esercizio in inverno ha a che fare con l'eccessiva vestizione per le condizioni. Fare esercizio al freddo con troppo o con il tipo di abbigliamento sbagliato può portare a un aumento dello stress termico. Questo microclima caldo intorno al corpo può provocare sudorazione eccessiva e surriscaldamento a livelli simili all'esercizio al caldo. Pertanto, è importante vestirsi in modo appropriato.


Sensazione di sete alterata in inverno

Un fattore importante da considerare quando ci si allena al freddo è che il nostro corpo ha una ridotta percezione della sete quando si trova in ambienti freddi. Pertanto, gli atleti che si allenano al freddo devono essere molto vigili per mantenere buone abitudini di idratazione.

Aumento della perdita d'acqua in inverno

Molte volte, quando gli individui si allenano al freddo per gli sport invernali, è a un'altitudine più alta del normale. Rispetto all'esercizio a livello del mare, lo stesso esercizio in quota si traduce in una maggiore ventilazione per mantenere l'ossigenazione del sangue. Una maggiore ventilazione favorisce la disidratazione perché il nostro respiro è saturo di acqua, quindi una maggiore respirazione provoca una maggiore perdita d'acqua.

Alterazioni nella percezione della disidratazione al freddo

Oltre alla diminuzione della sete al freddo, c'è anche un'alterazione nella percezione cerebrale della disidratazione al freddo. Questo effetto può essere spiegato in parte dalla ridistribuzione del volume del sangue. Per mantenere la temperatura interna al freddo, i nostri corpi costringono il sangue dalla periferia (braccia, gambe e pelle) per mantenere il sangue caldo attorno al nucleo del nostro corpo. Al freddo, nonostante la disidratazione, gli spostamenti del volume del sangue centrale impediscono l'aumento dell'AVP plasmatico (AVP – noto anche come ormone antidiuretico) rispetto alla stessa quantità di disidratazione in un ambiente caldo. Ciò si traduce in un aumento della produzione di urina, favorendo la disidratazione. Pertanto, gli atleti che si esercitano al freddo hanno spesso una maggiore produzione di urina rispetto a un ambiente più temperato. Questi cambiamenti comportano un aumento del rischio di disidratazione al freddo che non è sempre evidente.


Oltre a vestirsi correttamente per non surriscaldarsi o surriscaldarsi, gli atleti devono essere consapevoli che avranno una maggiore perdita d'acqua e una diminuzione della sete durante l'allenamento al freddo. Tutti gli stessi principi per la massima prestazione di esercizio esistono sia in ambienti freddi che caldi. Questi principi includono assicurarsi di iniziare l'esercizio in uno stato idratato e consumare abbastanza liquidi durante l'esercizio per prevenire la disidratazione e la diminuzione delle prestazioni che comporta.

Recent Posts
Archive
Follow me
  • Instagram
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • LinkedIn